fb tw yt fl rs is

Newsletter

Clicca qui per iscriverti alla newsletter

A proposito di popsophia e filosofia del contemporaneo
Data pubblicazione : 11/12/2017

L'articolo di Cesare Catà uscito su l'Huffington Post che parla di Popsophia - Il Festival del Contemporaneo e dell'ultima pubblicazione della Direttrice Artistica, Lucrezia Ercoli.

 

Foto testo

Un filosofo americano che amo particolarmente, Henry David Thoreau, non compose le sue pagine migliori e più profonde nel chiuso di uno studiolo, come la stragrande maggioranza dei suoi colleghi; bensì camminando, a volte per giorni interi, tra la natura del suo New England, ammaliato dalla multiforme bellezza di alberi e montagne, ruscelli e volatili, mele, sentieri e torrenti. L'operazione che compie Lucrezia Ercoli col suo libro Che la forza sia con te! Esercizi di Popsophia (Il Melangolo) è secondo me molto simile, mutatis mutandis, a quella di Thoreau. Solo che qui la passeggiata che si compie non è un vero e proprio cammino in mezzo ai boschi, bensì una camminata ideale tra l'ambiente massmediatico del nostro tempo. Non rami di maggio, ma blockbuster di successo; non lo stelo di un fiore raro, ma programmi televisivi da 10 mln di spettatori; non il ritrarsi delle bestie in una sera d'inverno o la cromia delle foglie autunnali, ma la nascita di nuove mitologie pop e la forza artistica delle serie televisive. Rispetto a Thoreau cambia radicalmente l'oggetto d'osservazione, ovviamente, però ci sono due cose fondamentali in comune: lo sguardo filosofico attento e intelligente che, dall'analisi di ciò che ci circonda, conduce per mano il lettore a conoscere l'uomo contemporaneo; e l'evasione dalla rigidità dei confini accademici, per portare la filosofia a osservare quanto era stato recluso fuori dall'ambito di legittimità della ricerca – di fatto allargando così il perimetro di quest'ultima.

 

L'Autrice, già indagatrice in altri due saggi di temi controversi come l'umorismo e la crudeltà, direttrice del celebre festival in cui il tema della popsophia è messo precipuamente a tema, nel 2015 aveva riflettuto sul portato teoretico di questo concetto curando per la rivista "Lo Sguardo" il volume collettaneo Popsophia. Teoria e pratica di un genere filosofico. In questi Esercizi vediamo all'opera la metodologia là definita, con la filosofia intenta a indagare i fenomeni più popolari della società italiana. Passeggiate analitiche nella natura della pop-cultura, i vari capitoli in cui il testo è suddiviso toccano temi che scandalizzano i professoroni e spiazzano gli appassionati di filosofia. Checco Zalone? X Factor? Jovanotti? Il Festival di Sanremo? Qualcuno, sfogliando l'indice, potrebbe essere indotto a credere che si tratti di un libro di sociologia o di critica cinetelevisiva dai toni colti; ma si ingannerebbe non meno di chi, considerando i temi di un testo di Thoreau, pensasse a un libro di botanica perché parla di foglie e di frutteti. Quella che Lucrezia Ercoli compie è un'ermeneutica del mondo contemporaneo a partire dai suoi fenomeni più evidenti per coglierne gli strati più profondi; l'idea che sta al fondo di questo libro è appunto quella secondo cui gli archetipi eterni della cultura occidentale non siano morti e musealmente sepolti, bensì si ripropongano in forme del tutto nuove, finanche grottesche o mostruose, forme che possiamo amare o meno, certamente – ma sono sempre quei medesimi archetipi che abbiamo di fronte. E per comprendere i quali è perciò necessario, non soltanto utile, osservare tali fenomeni.

 

Continua a leggere sul sito di The Huffington Post.

indietro

volontari

WE WANT YOU!

Vuoi contribuire?

16

VIDEO

Conferenze, spettacoli, contributi

foto

FOTO

Le immagini degli eventi del festival

rassegna_stampa

RASSEGNA STAMPA

Dicono di Noi