fb tw yt fl rs is

Newsletter

Clicca qui per iscriverti alla newsletter

Gli studenti del Liceo Classico Mamiani ricreano l’atmosfera di un autentico “Caffè Sarajevo” misurandosi con la nostalgia balcanica di chi – tra struggimento e leggerezza – non rinuncia a vivere il presente anche in tempi impossibili. Immagini, suoni e riflessioni accompagnate dalla degustazione di Cose di tè. Ore 17:00

Piccole conversazioni musicali alla ricerca del Bach perduto. L’avvincente vicenda del quaderno di Johann Gottfried Bernhard, un’opera mai esistita che passa di mano in mano a illustri musicisti e attraversa secoli e continenti per giungere sino ai giorni nostri. Ore 17:30

I maggiori filosofi italiani si mettono in gioco proponendo interpretazioni diverse dell’ossimoro “nostalgia del presente”. La Popsophia diventa scontro tra punti di vista eterogenei e accesa polemica come nell’agorà filosofica della diatriba cinica. Ore 18:00

La “filosofiacoibambini” è una pratica educativa originale che vuole sviluppare forme autentiche di conoscenza e pensiero (idee, parole, concetti, sentimenti, emozioni) e mettere in moto il meccanismo immaginativo e conoscitivo. Il laboratorio è rivolto a bambini dai 6 agli 11 anni. Ore 18:00

Ispirandosi alla mostra curata da Ludovico Pratesi, Ittico - il dipartimento educazione della Fondazione Pescheria - propone un laboratorio creativo sulle nostalgie personali di luoghi, persone, tempi, azioni o emozioni, che sospese nel tempo ridiventano presenti. Ore 19:00

Un viaggio sulle note del migliore jazz del Novecento accompagnato da citazioni nostalgiche provenienti da cinque paesi diversi. Lo struggimento filtrato delle improvvisazioni del jazzista descrive il mondo in frammenti su cui cammina il viandante contemporaneo. Ore 20:00

La pop filosofia interroga i fenomeni della società di massa. Spunti di riflessione inediti e creativi interpretano i miti contemporanei - dal cinema alla fotografia, dalla televisione ai social network - che alimentano la nostalgia e che ammala il presente. Ore 19:00 e 22:00

Il set fotografico allestito da Macula consente al pubblico di autoritrarsi all’interno di un paesaggio della memoria. Un personale fotoricordo che – attraverso la riflessione #vorreichefosse – proietta i desideri della comunità nel futuro. Ore 20:30

La riflessione filosofica di Paolo Pagliaro sul tema della serata. Gli interventi del giornalista di “Otto e mezzo” offrono al pubblico originali spunti di indagine condensati in pochi aforismi. Ore 21:30

La nostalgia del presente diventa spettacolo. Cinque serate inedite realizzate da Popsophia dove la riflessione filosofica di ospiti d’eccezione si contamina con filmati, performance e musica dal vivo. Ore 21:30

Le serie tv più amate dal pubblico raccontano la nostalgia del presente. La narrazione seriale rappresenta la controstoria del presente mischiando memoria, realtà, desideri e aspettative contemporanee. Ore 22:30

Una visione notturna che accompagna la chiusura delle giornate del Festival. Attraverso frammenti tratti della nostra memoria catodica si configurano cinque sfumature del tema 2014. Ore 23:30

Una ‘scatola ribelle’ di immagini di cinema presentata e condotta dal critico cinematografico Enrico Ghezzi. Una sorta di singolare sovraffollamento di immagini nella "società dell'informazione" sul tema della nostalgia del presente. Ore 23:00

volontari

WE WANT YOU!

Vuoi contribuire?

16

VIDEO

Conferenze, spettacoli, contributi

foto

FOTO

Le immagini degli eventi del festival

rassegna_stampa

RASSEGNA STAMPA

Dicono di Noi